Comunicazioni 07/05/2017

7 maggio 2017

È stato aggiunto nella pagina Contenuti scaricabili il famoso dossier Pasquini su Francesco Narducci.

28 aprile 2017
Inizia con oggi l'inserimento nella pagina Contenuti scaricabili di una serie di documenti inediti della quale sono recentemente entrato in possesso. Si tratta di un mio piccolo regalo a tutti gli appassionati che intendono studiare davvero la vicenda, al di là delle loro convinzioni personali, sobbarcandosi la fatica di interpretare le fonti senza cedere ai luoghi comuni, purtroppo sempre in agguato. Oso sperare che qualcun altro, dopo essersi messo una mano sulla coscienza, segua il mio esempio, contribuendo così a impedire che questo intricatissimo caso diventi preda ormai definitiva della leggenda.

22 aprile 2017
Causa la troppa fretta con cui lo avevo pubblicato, sono dovuto intervenire sulla prima parte dell'articolo Ville, messe nere, servizi segreti spostandone gli ultimi due paragrafi, con leggere modifiche, in coda alla seconda parte, appena pubblicata. Questo per rispettare un corretto ordine temporale, assicurando anche una miglior comprensione di tutti gli eventi. Per fortuna il mio imbarazzo è mitigato dal fatto di non dover rimborsare nessuno, in ogni caso chiedo scusa almeno ai miei tre o quattro lettori più affezionati.

26 gennaio 2017
Ancora un piccolo intervento sulla dinamica di Baccaiano, più che altro per amor di precisione. Ho avuto la conferma da persona competente che sulla 147 di Mainardi le due leve per basculare in avanti i sedili anteriori e per inclinarne la spalliera erano in posizione invertita rispetto alla 127 che ho avuto a mia disposizione per scattare le foto. In sostanza con la leva posta sul fianco della spalliera si sbloccava il sedile, con un maniglione posto sotto la seduta si sbloccava lo spalliera. Quindi si può ipotizzare che Gargalini, nei suoi primi inutili tentativi di alzare i sedili per accedere al vano posteriore, avesse cercato sotto la seduta, trovando invece il maniglione per inclinare la spalliera, che poi successivamente inclinò.

19 gennaio 2017
Magari non interessa a nessuno, però ho finalmente terminato di pubblicare gli articoli revisionati sulla dinamica di Baccaiano. Aver considerato un colpo di pistola come causa del foro sul fanalino di posizione destro ha reso la ricostruzione più lineare e convincente, senza alcun dubbio. I conti tornano meglio, quindi è più forte la speranza di essere andati molto vicino alla verità.

17 gennaio 2017
Il confronto con i punti di vista di altri appassionati mi ha indotto a riconsiderare alcuni particolari della dinamica di Baccaiano. Il più importante è senz'altro l'origine del foro sul fanalino di posizione anteriore destro dell'auto di Mainardi. I giudici della sentenza di primo grado contro Pacciani lo attribuirono a un tentativo di rottura da parte del Mostro mediante l'uso di uno strumento a punta. Si tratta di una spiegazione poco ragionevole, sufficiente però a convincermi che il foro non fosse di proiettile, altrimenti, pensavo, gli investigatori dell'epoca se ne sarebbero accorti. Ecco allora una prima spiegazione alternativa, quella di un foro preesistente, senz'altro possibile, ma di bassa probabilità. Una seconda spiegazione alternativa era quella dell'impatto dell'unico proiettile che ritenevo fosse andato a vuoto, il quinto, sparato durante il percorso di retromarcia dell'auto. Quel proiettile avrebbe potuto colpire il fanalino in oggetto senza penetrare, causa la durezza della gemma di protezione, lasciando però un foro. Anche in questo caso la probabilità era comunque bassa, dovendosi accettare la coincidenza che un colpo sparacchiato alla bene e meglio avesse colpito proprio il fanalino.
Alla fine mi sono convinto che in realtà quel fanalino fu colpito, di proposito, nella medesima circostanza in cui vennero colpiti i due fari principali. Quindi i tre bossoli ritrovati davanti al muso dell'auto erano tutti originati dagli spari ai fari, mentre il colpo sul parabrezza va anticipato alla fase di arretramento dell'auto, e il bossolo corrispondente è quello ritrovato sulla strada vicino alla piazzola, da me attribuito in origine a un colpo a vuoto. Che gli investigatori dell'epoca non avessero capito l'origine del foro non deve destare meraviglia; magari neppure avevano smontato la gemma.
Per questo e per altri particolari meno eclatanti ma comunque significativi ho deciso di rimettere mano alla mia ricostruzione, riscrivendone una parte e razionalizzandone altre. Lascerò comunque l'addendum, a testimonianza della stesura un po' sofferta, soprattutto riguardo il tormentone delle colature.

31 dicembre 2016
Mi è stato fatto notare un errore nella rappresentazione e descrizione delle traiettorie di due dei proiettili che colpirono Paolo Mainardi. Poca differenza per quello mortale alla tempia, da me collocato dove normalmente si pensa sia la tempia, e che invece va spostato poco sopra e poco dietro l'orecchio, come da descrizione di Cagliesi al processo Pacciani. Differenza più sostanziosa invece per il colpo sotto il mento, il cui ingresso era stato da me collocato verso la punta dello stesso. L'ingresso corretto è invece al fondo sinistro della mandibola. L'effetto sulla dinamica da me ricostruita è quello di un maggior coricamento all'indietro della testa di Mainardi in conseguenza della contrazione muscolare di Antonella che l'aveva agganciata, probabilmente per i capelli.
Ho già sostituito le due immagini delle traiettorie, e quanto prima sostituirò anche la foto ricostruttiva.

29 ottobre 2016
I miei pochi lettori abituali avranno certo notato qualche piccolo intervento di restyling sul blog, in particolare una pagina fissa iniziale con l'elenco degli articoli che vorrei mettere in evidenza e la foto, scattata ad agosto di quest'anno, del luogo in cui furono uccisi Barbara Locci e Antonio Lo Bianco. Spero che l'intervento abbia migliorato almeno un po' un'estetica della quale non mi ero mai curato e che appariva davvero troppo dimessa. Va bene privilegiare i contenuti, ma anche l'occhio vuole la sua parte...
Inoltre mi pare giusto avvertire che l'articolo sulla dinamica di Scandicci è stato modificato nel paragrafo che riguarda lo spostamento del corpo di Carmela, oggetto di aspre critiche da parte degli agguerritissimi partigiani della colpevolezza di Salvatore Vinci. A indurmi alla modifica è stato l'intelligente intervento del lettore Dan F.: Nessuno ha immaginato la cosa più semplice, cioè che il mostro si sia caricato il corpo sulle spalle o una spalla e poi l'abbia fatto cadere sotto la strada?”. Ebbene, aveva ragione completa. Il mio lavoro d'informatico, ormai quasi quarantennale, mi ha insegnato che quando la soluzione è quella giusta tutto torna, e quando tutto torna la soluzione è quella giusta. In questo caso la posizione del corpo sopra una spalla spiega magnificamente la collana finita tra le labbra, facendo peraltro giustizia di tutte le sciocchezze che sono state immaginate dai nostri investigatori intorno al collegamento di questo particolare con un quadro sequestrato in casa Pacciani.

17 ottobre 2016
Mi vedo costretto, con mio grande rammarico, a bloccare gli interventi di un ben noto lettore che non ha afferrato il senso di questo blog. Il suo scopo sembra sempre quello di contraddire ogni affermazione di chi scrive e degli altri lettori che intervengono, alla ricerca di una polemica fine a sè stessa, il cui scopo non è quello di aggiungere elementi di riflessione, ma di prevalere a livello dialettico. Non è questa la sede per un'operazione del genere.
Quindi, se leggo considerazioni anche molto critiche ma costruttive, pubblico, altrimenti blocco. Non si tratta di censura, ma di legittima difesa.

25 settembre 2016
Vale la pena ricordare a chi mi legge che questo non è un forum, ma il blog di un appassionato che rende pubbliche le proprie convinzioni motivandole attraverso documenti e ragionamenti. Mentre i primi sono incontrovertibili, i secondi sono per loro natura passibili di critica. Ma tutti possono esprimere il loro giudizio eventualmente negativo, e anche se i commenti sono moderati –  per ovvie ragioni di opportunità, vista la delicatezza della materia –  in linea di principio non ne blocco mai la pubblicazione. Mi ritengo però libero di replicare soltanto a quelli che, a mio giudizio, aggiungono valore alla materia. In ogni caso non ho nè il tempo nè la voglia di lasciarmi coinvolgere in infinite discussioni su differenti punti di vista rispetto a quelli da me espressi, dove ognuno è inevitabilmente destinato a rimanere sulle proprie posizioni. Per questo ci sono, appunto, i forum.

18 maggio 2016
Nella pagina dei download ho inserito le raccolte della Nazione (e una della Città) rese disponibili negli anni sul forum di Ale.

28 febbraio 2016
Segnalo questo mio intervento sul Forum di Ale intorno alla figura di Giancarlo Lotti. Prossimamente amplierò l'argomento su queste pagine.

24 febbraio 2016
Aggiunta trascrizione articoli del Corriere della Sera 51-91 già presenti in formato immagini (grazie Bruchetto).
Aggiunto libro "Signori la Corte" di Liliana Elisei, testimone oculare in parte del processo Pacciani di primo grado. Si tratta di un'opera particolare ma interessante, ingiustamente bistrattata in alcuni commenti che ho letto (ad esempio qui). Come assaggio, ecco la gustosa descrizione del primo ingresso in aula di Lorenzo Nesi: 

Ma poi c'è il playboy, il gagarone nostrano "Il Gano, il duro di San Frediano" di buona memoria. Perché in tal modo si è acconciato per venire a deporre. Sale spavaldo i quattro gradini, si accomoda con gesti studiati che vogliono essere eleganti, disinvolti, maniche della giacca rivoltate onde mostrare orologio e ori e poi l'effetto, Signori della Corte e no, l'effetto del giallo intenso della maglietta dal collo riverso su quello della giacca blu!

9 febbraio 2016
Aggiunte nuove raccolte di articoli nella sezione "Giornali e riviste" della pagina "Contenuti scaricabili": news di Fiorucci su Narducci (vedi), Corriere della Sera 51-91, delitto Pacciani 51.

8 febbraio 2016
Sono stati abilitati i commenti anche per i visitatori anonimi. Chi vorrà dire la sua sui nuovi e sui vecchi post potrà farlo senza dichiarare il proprio account. Commenti e risposte potranno essere controllati tramite il nuovo gadget "Commenti recenti".

8 febbraio 2016
È stata aperta una nuova sezione nella pagina dei contenuti scaricabili dedicata agli articoli tratti da riviste e giornali. Si tratterà prevalentemente di raccolte e singoli servizi via via resisi disponibili sul forum di Ale.
Per iniziare ci sono le raccolte scaricate dagli archivi storici di Unità e Stampa.

1 commento:

  1. Mancava un blog sul MdF ricco di documenti e dinamiche senza troppe ipotesi personali. Bel lavoro!

    RispondiElimina